Queste pratiche del Far West dimostrano quanto fossero selvaggi quei tempi

Trattamento con cane morto

David Dary, autore del libro “Frontier Medicine: From the Atlantic to the Pacific” pubblicato il 4 novembre 2008, fornisce una panoramica dei diversi aspetti della medicina e della sua evoluzione in America dall’arrivo dei primi esploratori. Dary ci dice quale rimedio è stato usato per la gotta e i reumatismi nel 1815. Questi metodi erano probabilmente più vicini alla stregoneria di qualsiasi altra cosa.

Advertisements
Advertisements

Il trattamento consisteva nel macellare un “giovane cane grasso”, quindi scuoiarlo e sventrarlo. Le viscere venivano poi mescolate con uova di gallina, ortiche, “vermi rossi di pesca”, trementina, zolfo, tabacco, ecc. Dopo di ciò, la mistura empia veniva restituita alle viscere del cane morto, e il tutto veniva arrostito mentre il paziente sedeva accanto al fuoco. E tutto questo doveva essere il rimedio per farlo guarire!

Advertisements
Advertisements