Come le start-up preparano la città di domani

Il futuro delle nostre città e delle nostre campagne sarà sottolineato da un nuovo panorama tecnologico. Le batterie con autonomia ottimizzata, i mezzi di trasporto rivoluzionari e i robot di ogni tipo saranno sicuramente parte integrante del nostro futuro stile di vita.

Advertisements
Advertisements

Parliamo solo della smart city, chiamata anche “smart city” per qualche tempo. Tuttavia, non possiamo ancora immaginare i passi della realizzazione di questa città ideale. Eppure il progetto è davvero sulla strada. Attualmente, armati di diversi tipi di innovazione tecnologica, le start-up più ambiziose stanno lavorando per raggiungerlo. Quindi presenteremo alcuni di questi ambiziosi imprenditori in questa storia.

PowerUp, batterie forti con ampia autonomia

Ci vorranno batterie che possano contenere più del 50% della loro carica dopo un mese di utilizzo per diventare una vera città intelligente. Anzi, per consentire ai vari robot e gadget di funzionamento della città del futuro di lavorare, sarà necessario scommettere sulle batterie con una lunga durata. Spetta alla start-up PowerUp proporre questa innovazione. Per questo, gli ingegneri del strat-up contano per moltiplicare in due la durata di vita delle batterie agli ioni di litio. La maggior parte dei gadget nomadi e autonomi della città intelligente sarà infatti dotata di batterie agli ioni di litio.

Ecco la dichiarazione di Josselin Priour, CEO di PowerUp: “Studiando l’invecchiamento delle batterie, comprendiamo i vari fenomeni di degrado e abbiamo stabilito strategie per estendere il loro uso e conoscere la loro vera vita … ., Sapere che una batteria è al 50% della sua carica senza sapere che la sua vera autonomia non ha interesse, può anche essere controproducente “ .

Josselin Priour ha dichiarato che in questo progetto di ottimizzazione dell’autonomia della batteria, la start-up utilizza sistemi di ricarica potati a diversi fattori influenti come l’uso di attrezzature, la temperatura dell’ambiente in cui viene utilizzata l’attrezzatura, la natura dell’energia di carica, ecc. Inoltre, l’avvio sta attualmente lavorando in partnership con Enedis, Legrand, Orange e SNCF, per la realizzazione di alcuni progetti.

A questa visione rivoluzionaria viene aggiunto un bonus riservato alle aziende. Saranno in grado di verificare il corretto funzionamento delle loro batterie con PowerUp. PowerUp non è altro che un’intelligenza artificiale che raccoglierà dati sulle batterie dell’azienda. Questo sistema sarà certamente indispensabile nella gestione delle città e delle reti di trasporto pubblico.

HySiLabs, l’energia dell’idrogeno divenne presto padronanza

Tutti quelli che fanno ricerca sulle energie rinnovabili sanno che c’è speranza di immettere idrogeno. Infatti, grazie a questa energia, i bilanci del carbonio del futuro saranno meno pesanti. Tuttavia, i mezzi di stoccaggio e le modalità di adozione per trasportare adeguatamente l’idrogeno sono ancora abbastanza difficili da trovare. Oggi HySiLabs offre il vettore di idrogeno liquido. La scoperta è stata fatta per caso e lo dobbiamo ai ricercatori dell’Università di Aix-Marsiglia.

Certamente, questa scoperta rivoluzionaria influenzerà notevolmente il mondo del trasporto di energia. Pierre-Emmanuel Casanova, fondatore di HySiLabs, 30 anni, ha dichiarato che il più difficile con l’idrogeno è la sua forma gassosa piuttosto difficile da trasportare. Tuttavia, lui e il suo team hanno scoperto un modo rivoluzionario per caricare e scaricare un liquido in idrogeno. Pertanto, è ora possibile trasportare sette volte più idrogeno, quindi useremo meno camion o barche (meno CO2). Inoltre, la fase di consegna sarà più efficiente.

Per riassumere la situazione, ecco la dichiarazione di Pierre-Emmanuel Casanova: “Con questa soluzione, sarà ora possibile potenziare le città del futuro in modo massiccio, facile ed ecologico, soprattutto con l’energia prodotta agli altri fine del mondo. Per non parlare della reale opportunità di sostituire definitivamente i combustibili fossili con l’idrogeno. “ Siamo certamente sulla buona strada!

Vitirover, i robot dei vigneti

Proprio come la smart city , la campagna intelligente è molto affascinante. Oggi, la campagna intelligente è in linea anche grazie a Vitirover. Il precursore di start-up di questa rivoluzione è nella vigna di Saint-Emilion. I suoi fondatori provengono da una linea di viticoltori. Quest’ultimo ha inventato i viticoltori che possono sostituire le grandi macchine come i trattori.

Responsabile degli oggetti connessi all’analisi di Vitirover Clément Sanquer, ingegnere robotico, dichiara: “Invece di utilizzare una grande macchina che consuma energia o la diffusione di una sostanza chimica, proponiamo di distribuire un gruppo di piccole macchine molto economiche e In un certo senso, torniamo all’antica tecnica di liberare le pecore per falciare l’erba “ .

Fai attenzione, questi robot Vitirover non sono paragonabili alle normali macchine da giardinaggio. Funzionano come un piccolo stormo di animali intelligenti e curiosi. Più chiaramente, comunicano tra loro. Sono stati inventati per organizzarsi. Pertanto, ogni robot è in grado di coprire la propria area di lavoro ed eseguire compiti regolari. Se uno dei robot si rompe, gli altri possono prendere il sopravvento.

Inoltre, grazie al loro design robusto e compatto, possono lavorare su qualsiasi tipo di superficie. Inoltre, in un futuro molto prossimo, manterranno i bordi delle piste SNCF e la terra non mantenuta che è nelle sottostazioni di trasformatori elettrici ad alta e media tensione non accessibili da semplici tecnici.

Inoltre, ecco la dichiarazione di Clément Sanquer su questi robot: “Sono macchine resistenti ai guasti, ecologiche, prive di connessione e controllabili a distanza, quindi le loro potenziali applicazioni sono molte . Inoltre, crede che questi robot siano solo l’inizio. Gli agricoltori di tutta la Francia attendono con impazienza l’arrivo di nuovi prodotti Vitirover.

Advertisements
Advertisements