Qual è l’indice glicemico e la sua importanza?

Il corpo umano è composto da una serie di elementi che gli consentono di garantire il suo corretto funzionamento. Per questo, per essere sani, l’essere umano deve avere abitudini di vita sane. Ciò richiede una buona dieta che non solo protegga da malattie indesiderabili, ma mantenga la sua linea. L’indice glicemico, che è ancora poco noto agli uomini, è in effetti un indizio prezioso per controllare l’impatto di ciascun cibo consumato sul corpo. Se sono gli atleti, gli sportivi e le persone che iniziano una dieta che lo conosce meglio, tutti hanno interesse a conoscere l’indice glicemico per seguire meglio la sua dieta quotidiana. Qual è l’indice glicemico stesso? Qual è la sua importanza e come controllarla?

Qual è l’indice glicemico?

L’indice glicemico è spesso indicato come GI. In realtà, è uno strumento che consente di confrontare gli alimenti con il loro costituente di carboidrati. Di conseguenza, l’indice glicemico rileva la capacità del cibo di aumentare i livelli di zucchero nel sangue. Infatti, più alto è il livello di glucosio, maggiore è la sua velocità per aumentare il livello di zucchero, è anche alto. Questa capacità degli alimenti di aumentare il loro glucosio nel sangue è in realtà un livello di zucchero nel sangue. Per determinare se un alimento può o non può causare zucchero nel sangue, di solito usiamo una media. Quindi, l’indice glicemico degli alimenti è comparato a quello del glucosio che è 100. La classificazione di questi alimenti secondo il loro indice glicemico avviene in tre rami. Distinguiamo gli alimenti con un forte indice glicemico, quelli con un IG medio e infine i buoni alimenti che hanno un IG basso. Affinché un alimento sia classificato come IG basso, il suo IG deve essere inferiore a 55. Per un IG medio, si raccomanda che questo sia tra 55 e 69. Oltre 70, questo si ritiene che il cibo abbia una forte capacità di aumentare i livelli di zucchero nel sangue.

Quanto è importante l’indice glicemico?

L’indice glicemico ha un ruolo molto importante nel corpo. Permette di conoscere gli alimenti che possono aumentare il tasso di zucchero nel sangue e quindi limitare il loro consumo. Infatti, una glicemia troppo alta può causare malattie più gravi come l’obesità, il diabete. È il GI che consente di conoscere la capacità glicemica del cibo. Questo a sua volta consente di condurre scelte di vita più sane scegliendo alimenti a basso indice glicemico. Di conseguenza, l’indice glicemico aiuta a controllare il peso, prevenire le malattie e prevenire i problemi cardiovascolari. Infatti, molte persone pensano che solo il grasso può aumentare il peso in modo anomalo. La classificazione secondo l’IG consente di identificare tutti gli alimenti che possono causare disturbi e di evitarli il più possibile.